Biosimilari
Come adeguare le regole di accesso al mercato a seguito dei principi di sostituibilità e comparabilità 13 Dicembre 14 Dicembre 2018, Milano

Perché partecipare

“Nei primi nove mesi del 2017 il mercato italiano dei farmaci biosimilari ha consolidato la sua crescita: le nove molecole in commercio hanno assorbito il 18% del loro mercato di riferimento (...) contro il 13% registrato nel 2016, per un totale di 7,07 milioni di unità di consumo a fronte dei 31,16 milioni di unità dei corrispondenti originator che controllano l’82% dello stesso mercato.”  Fonte: IBG

Tre semplici motivi per partecipare:

1. Analizzare le caratteristiche dei biosimilari confermarte dall’autorità, quali l’intercambiabilità, la sostiuibilità, la sostituibilità automatica e l’equivalenza

2. Condividere le effettive conseguenze di commercializzazione sul mercato a livello di posizionamento e politica di prezzo

3. Essere, così, in grado di affrontare adeguamante l’esponenziale crescita di consumo di biosimilari che conseguirà al nuovo quadro regolatorio